calendarclockdisplayeurCOINTREAU-Whitestatsuservideo-camera
Salta al contenuto principale
carole quinon master distiller cointreau carole quinon master distiller cointreau

Le donne che hanno fatto Cointreau

Potremmo iniziare a raccontare la nostra storia parlando di Édouard Cointreau, ma non saremmo dove siamo oggi senza le donne ambiziose del nostro passato come l'imprenditrice progressista Louisa Cointreau nel XIX secolo, e del nostro presente quale l'attuale Mastro Distillatore Carole Quinton. Cointreau porta avanti una fiera tradizione di partnership con forti donne che hanno rappresentato il proprio marchio e incoraggiato i suoi leader a esplorare la propria creatività, rompere con le convenzioni e farsi strada nel mondo.

Per celebrare il Mese della storia delle donne, stiamo onorando due figure femminili chiave che hanno guidato l'eccellenza di Cointreau, dalle sue origini fino ad oggi.

LOUISA MOTAIS COINTREAU - La Filantropa

LOUISA MOTAIS COINTREAU

LOUISA MOTAIS COINTREAU - La Filantropa

Ci piace pensare a Louisa come l'anima di Cointreau. Nata a metà del XIX secolo, ha subito dimostrato di essere una donna in anticipo rispetto ai suoi tempi.

Imprenditrice e sostenitrice sociale in egual misura, lei e Édouard, suo marito, formavano una squadra inarrestabile. Mentre raffinava le specialità della casa e preparava la sua ricetta di liquore all'arancia, Louisa si è concentrata sull'espansione internazionale e sul lato umano del marchio. Spinta sia dall'altruismo che dall'attivismo, ha sviluppato una politica sociale d'avanguardia per i dipendenti della distilleria e ha aperto un ospedale autofinanziato per curare i soldati feriti durante la prima guerra mondiale. E i suoi sforzi non sono passati inosservati: Louisa è stata presidente dell'Unione delle Donne francesi per più di 30 anni ed è stata insignita dei titoli di Cavaliere e successivamente Ufficiale della Legion d'Onore francese.

CAROLE QUINTON - L'esperta

carole quinton cointreau master distiller

CAROLE QUINTON - L'esperta

Salvaguardare le caratteristiche originali di un liquore di 170 anni non è cosa da poco. E questo è precisamente il ruolo di Carole come Mastro Distillatore di Cointreau.
 

Le responsabilità del Mastro Distillatore sono numerose: dalla selezione delle materie prime, formulazione e distillazione; all'analisi sensoriale, al controllo di qualità e alla comunicazione con la stampa internazionale, i distributori e i bartender. Le prime generazioni della famiglia Cointreau hanno ricoperto questo ruolo per anni, ma il marchio ora lavora con brillanti talenti esterni. L'attuale Master Distiller, Carole Quinton, è succeduta a un'altra donna formidabile, Bernadette Langlais, appassionata di profumi sin da quando era un'adolescente e  "naso" di Cointreau per oltre 30 anni, a partire dal 1978. 

Abbiamo incontrato Carole di recente e abbiamo parlato con lei del suo ruolo, dell'amore per la scienza e di cosa significa per lei essere Master Distiller.

Ciao, Carole! Partiamo a bomba. Quello di Master Distiller è un ruolo complesso. Che aspetto ha una giornata normale?

CQ: Non esiste una giornata normale e questo è ciò che più mi piace del mio lavoro! A volte lavoro come ingegnere, seguendo da vicino le impostazioni di produzione; a volte come artigiano che attua un rituale ancestrale; e altre volte come profumiere, guidato dalle note olfattive e gustative del liquore. Controllo ogni singolo passaggio del processo per assicurarmi che stiamo mantenendo l'equilibrio, l'autenticità e la ricchezza aromatica distintivi di Cointreau.

E come sei entrata in questo campo?

CQ: Dopo essermi diplomata alla School of Agricultural Studies di Angers, mi sono formata come selezionatrice di specie vegetali presso il James Hutton Institute nel Regno Unito. Ho poi costruito la mia intera carriera nella ricerca e sviluppo nel settore degli alcolici.

Sei una donna dai molti talenti ...! Cosa ti attrae nello specifico di Cointreau?

CQ: È l'apice dell'equilibrio, dell'autenticità e della ricchezza aromatica. E la sua ricetta è stata sia preservata che reinventata sin dalla sua creazione nel 1875.

Il tuo modo preferito di bere Cointreau?

CQ: La mia prima esperienza con Cointreau è stata memorabile! In realtà è stato il giorno del mio matrimonio. Mio marito è di Angers e voleva improvvisare un cocktail Cointreau per il grande giorno. Era una combinazione di Cointreau, limone e spumante che non dimenticherò mai. Oggi il mio cocktail preferito è il White Lady. È sia semplice che sofisticato e risulta perfetto come drink alla fine di un buon pasto

"Il mio obiettivo principale è perpetuare il sapore originale del Cointreau Liqueur, quello creato da Edouard Cointreau." - Carole Quinton

Quindi, in azienda ti chiamano"The Nose". Puoi spiegarci meglio?

CQ: È vero! È un riferimento all'industria dei profumi. Ovviamente noi non creiamo fragranze, ma utilizzo gli stessi metodi per selezionare bucce d'arancia dolce e amara e creare aromi ed essenze di altissima qualità.

Ci sono molte donne in questo campo così guidato dalla scienza?

CQ: Sempre più donne stanno diventando Master Distillers o Master Blender nell'industria del whisky e del cognac, così come nel vino.
Come Mastro Distillatore, sono l'angelo custode e il “naso” di Cointreau. Sono molto orgogliosa di essere una donna e orgogliosa di essere in questo ruolo, ma questo è tutto. Non importa chi sei o da dove vieni: il tuo lavoro è portare la tua conoscenza degli aromi e la tua esperienza nella creazione del liquore.

Hai degli eroi della vita reale?

CQ: Assolutamente, tendo ad ammirare scienziati innovativi e donne forti nel corso della storia. Thomas Pesquet, Louis Pasteur, Marie Curie, Eleanor d'Aquitania e Marie Stuart, solo per citarne alcuni.

Quale speri che sia la tua eredità a Cointreau?

CQ: Abbiamo celebrato il nostro 170 ° anniversario lo scorso anno e voglio che la mia eredità prepari la Casa di Cointreau per i prossimi 170 anni. Creiamo il nostro prodotto utilizzando metodi consolidati e questo è davvero ciò che ci distingue dai nostri concorrenti. Sono qui per garantire la continuità di questa orgogliosa tradizione di eccellenza.